Lavoro online sicuro Non chimera

Spesso qualcuno dichiara che il lavoro sul web non è sicuro. I motivi? Non si vede mai il cliente, si è nascosti dietro un account, non si riesce ad avere un contatto diretto, la realtà virtuale è predominante su quella reale. Bastano queste dichiarazioni, riassunte sinteticamente e in maniera sommaria, per far capire quanta disinformazione ci sia sul lavoro sul web. In verità sono tante le opportunità che si possono agguantare sul web in tutta sicurezza.
Partendo dal presupposto che in questo articolo non si prenderanno in considerazione lavori legati all’e-commerce dato che presuppongono un investimento iniziale da parte del commerciante e dell’imprenditore, il web è il campo dove sono nate nuove professionalità.

Una di queste è il programmatore, in inglese developer o coder, che si occupa di scrivere il codice sorgente di programmi in fase di elaborazione. Per usare una metafora, sono muratori e architetti del web in quanto costruiscono le fondamenta di siti web, di portali e sofisticati programmi di inserimento dati. Se nei primi anni del web la figura del programmatore era molto più specializzata, negli ultimi anni grazie all’alfabetizzazione digitale si è aperta notevolmente. Difatti, grazie a piattaforme facilmente accessibili, è nata la professione del webmaster, ovvero colui che costruisce siti organizzandone la struttura e le categorie. Altra figura è quella del web designer che cura la grafica dei siti, cucendone  l’abito visivo in maniera accattivante e funzionale agli obiettivi del committente.

 

Altra strada da percorrere è nel campo editoriale: tanti gruppi giornalistici, network e aggregatori di notizie cercano editor e copywriter che aggiornino i propri siti. I compensi – è bene dirlo sin da subito – non sono eccezionali. Si tratta di uno o due euro a post/articolo sulle 200 parole, ma scrivendo una decina di testi al giorno si può metter da parte una cifra interessante. I compensi possono arrivare in diverse maniere: o con un prezzo fisso ad articolo concordato con l’editore o con un pagamento commisurato al traffico  di visualizzazioni. Diversa la situazione in realtà giornalistiche dove c’è una struttura più consolidata. Si può guadagnare anche individualmente scrivendo post su propri siti e blog in base alle pubblicità sfruttando google AdSense.

Altra figura professionale è legata al web marketing e al social media marketing, due attività molte richieste nel mercato. Molte aziende di vario tipo cercano queste figure che hanno tra i loro compiti quelli di veicolare e ottimizzare i diversi brand tra le maglie della rete, procacciando opportunità di business e puntando alla fidelizzazione dei vari clienti tramite social network come Facebook, Twitter e Google Plus. Chi lavora in questo campo del web marketing solitamente o lavora come free lance costruendosi nel tempo un proprio portfolio o viene ingaggiato nelle web agency per svolgere questi compiti. Per questo lavoro, sicuramente tra i più sicuri nel mondo della rete, comunque sono richieste conoscenze pregresse nel campo dell’informatica e nel marketing digitale.

Lavorare online in tutta sicurezza è possibile dunque, anche se c’è da dire che spesso si lavora da freelance. Nella maggior parte dei casi chi viene ingaggiato lavora in maniera autonoma, aprendo Partita Iva, non avendo tanti diritti dal punto di vista fiscale o della previdenza sociale. Tra i vantaggi ci sono però autonomia di lavoro che permette di avere più opportunità di guadagno

 

Lavorare online seriamente